DolceBetulla (xilitolo) e intolleranza al fruttosio

intolleranza fruttosio

Soffri di intolleranza al fruttosio, ma non vuoi rinunciare ai dolci piaceri della tavola? Da oggi puoi stare tranquillo, perché l’intolleranza al fruttosio non rappresenta un problema per l’assunzione di DolceBetulla (xilitolo), che può essere tranquillamente usata al posto dello zucchero normale. Con lo zucchero di betulla (xilitolo) non sarai piú costretto a rinunciare ai tuoi dolci preferiti, perché il tuo corpo é in grado di metabolizzarlo, senza alcun tipo di scompenso nel metabolismo.

Intolleranza al fruttosio: sì a DolceBetulla!

Purtroppo chi soffre di intolleranza al fruttosio deve eliminare molti cibi e bevande dalla propria dieta. Una particolare attenzione va prestata ai succhi di frutta industriali, al latte e ai suoi derivati, come ad esempio lo yogurt zuccherato che si trova in commercio o ad alimenti come la frutta secca e prodotti a base di farine industriali. Uno degli alimenti con contiene un’elevata quantitá di fruttosio é il miele. Tuttavia, i soggetti affetti da intolleranza al fruttosio non devono rinunciare a un po’ di dolcezza nella propria vita. Studi scientifici hanno dimostrato che lo zucchero di betulla (xilitolo) non rappresenta un problema per chi soffre di intolleranza al fruttosio. DolceBetulla può essere tranquillamente usata al posto dello zucchero, perché é facilmente digeribile anche da persone che soffrono di intolleranza al fruttosio e non provoca alcun scompenso nel metabolismo. Ti consigliamo in ogni caso di cambiare il tuo stile di vita con un’adeguata alimentazione e di discutere con tuo medico curante il passaggio a DolceBetulla.
Ma che cosa si intende con fruttosio e che cos’é l’intolleranza al fruttosio?

Che cos’é il fruttosio?

Il fruttosio è un monosaccaride presente nella frutta e nella verdura. Si trova anche nello zucchero comune, sotto forma di saccarosio. Il fruttosio viene solitamente usato come dolcificante in alcuni alimenti e bevande prodotte industrialmente, come ad esempio succhi di frutta, dolciumi, yogurt o prodotti a base di farine industriali.
I soggetti che soffrono di intolleranza al fruttosio presentano un difetto dell’enzima che dovrebbe metabolizzare questa sostanza. I sintomi tipici in soggetti sono vomito, diarrea, gonfiore e senso di nausea. Con l’avanzare della malattia si possono manifestare dei veri e propri danni del fegato e dei reni. In generale le persone affette da intolleranza al fruttosio presentano un rifiuto nei confronti del cibo.
Studi scientifici hanno dimostrato che l’intolleranza al fruttosio é una malattia ereditaria che colpisce una persona su 20.000. Si manifesta durante i primissimi anni dell’infanzia, in particolare modo nei bambini abiuati a mangiare fin da piccoli alimenti ricchi di zucchero. Le conseguenze possono essere serie, fino ad arrivare in alcuni casi a ritardi nella crescita. Se hai qualche dubbio ti consigliamo di eseguire un test di coagulazione del sangue. Col tempo questa malattia diventa difficile da gestire, quindi é opportuno non sottovalutare nessun sintomo.

Per saperne di piú:
http://www.medicina.unisa.it/gastroenterologia/attivita/malattie/fruttosio

Recent Posts